Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Indice degli argomenti

Mageia è la distribuzione GNU/Linux nata dal fork di Mandriva Linux. La nuova edizione Mageia 4, rlasciata all'inzio di febbraio 2014, integra diversi ambienti desktop: KDE 4.11, GNOME 3.10, Xfce 1.10, etc. Installiamo l'edizione Mageia 4 LiveDVD GNOME ed esploriamo caratteristiche e software in dotazione.

2. Installare Mageia 4

Se l'esperienza Live di Mageia 4 ha soddisfatto le nostre esigenze potremmo deciderci per l'installazione del sistema sul disco fisso: dall'icona "Installa sul disco fisso" lanciamo DrakX il Mageia Installer che ci guiderà passo passo nel wizard di installazizone.

Prima di continuare, però, mi corre l'obbligo di mostrare la consueta avvertenza:

ATTENZIONEAvviso: L'autore declina ogni responsabilità per eventuali danni al sistema a seguito delle procedure di installazione descritte, a titolo di esempio, in questo articolo.

Prima di procedere con l'installazione della distribuzione suggerisco sempre di effettuare un backup dell'intero disco oppure almeno la copia dei file dati personali ritenuti importanti.
L'installazione della distribuzione GNU/Linux, se effettuata in maniera attenta e corretta, non dovrebbe compromettere l'integrità dei dati contenuti nei dischi del sistema, ma allorquando si modificano le partizioni, ridimensionando le esistenti e/o aggiungendone di nuove, l'errore umano (nel quale può incorrere anche un utente esperto a causa di una banale distrazione) o le insidie software/hardware sono sempre dietro l'angolo. E' buona norma, quindi, prendere le dovute precauzioni: la prudenza non è mai troppa!

Il primo step di installazione riguarda la posizione di installazione di Mageia 4; l'utility di partizionamento esaminerà lo stato del disco fisso selezionato nella combo-list e proporrà le possibili alternative di installazione: utilizzare lo spazio disponibile, cancellare ed utilizzare l'intero disco oppure scegliere il "Partizionamento personalizzato" ed aprire il gestore delle partizioni per modificare le partizioni esistenti o creare/dimensionare le partizioni nelle quali installare Mageia 4.

ATTENZIONE: il video di esempio illustra l'installazione di Mageia 4 su una macchina virtuale VirtualBox. Come si potrà osservare, nel disco (virtuale) non era presente nessun altro sistema operativo pertanto la distribuzione è stata installata sull'unica partizione esistente oltre alla partizione di swap. Nel caso in cui nel PC fosse già presente Windows occorrerà creare le nuove partizioni dedicate a Mageia per non sovrascrivere quelle già esistenti utilizzate da Windows.

Nello step successivo l'utility di installazione provvederà alla rimozione dei pacchetti riguardanti il supporto hardware non necessario e delle localizzazioni (lingue internazionali) non utilizzate; tali opzioni sono selezionabili dall'utente e tramite il pulsante "Avanzato" potremo visualizzare l'elenco dei pacchetti che saranno rimossi.

Seguono due finestre di dialogo per la scelta e la configurazione del bootloader. Sarà possibile scegliere tra GRUB e LILO: selezioniamo l'opzione predefinita "GRUB with graphical menu" ed eventualmente aumentiamo il tempo di attesa prima del caricamento del sistema operativo predefinito; nella successiva finestra potremo anche modificare le voci del menù di boot, ordinarle diversamente o crearne di nuove.

Dopo aver completato l'installazione del bootloader il computer sarà riavviato. Al successivo avvio verrà mostrata la finestra di dialogo nel quale assegnare la password di amministratore (necessaria per accedere alle funzioni e configurazioni di sistema) e creare il nuovo utente.

Segue: Mageia 4 GNOME Pagina successiva