Condividi ►
Seguici ►
Facebook
Twitter
YouTube - Il canale di PCpercaso.com
RSS - PCpercaso.com
Newsletter di PCpercaso.com
Cerca nel sito

 

VirtualBox - Cartelle condivise nel sistema guest Linux

Valutazione attuale:  / 11
ScarsoOttimo 
Categoria principale: Software Categoria: Sistema
Ultima modifica il 30 Novembre 2012
Scritto da Roberto Visite: 22542

VirtualBox 3 - Cartelle condivise nel sistema guest Linux

Poter condividere le cartelle tra sistema host e le macchine virtuali è sicuramente una delle caratteristiche che favoriscono l'usabilità dei software di virtualizzazione.

Tale caratteristica è resa disponibile in VirtualBox attraverso l'installazione delle Guest Additions come già illustrato nel precedente articolo "VirtualBox - Installare le Guest Additions nel sistema guest Ubuntu".

In questo esempio configuriamo le cartelle condivise tra un sistema host in Windows 7 ed il sistema guest con Ubuntu 10.04 LTS nel quale sono state già installate le Guest Additions.



 

La funzionalità delle "Cartelle condivise" di VirtualBox permette di configurare in ogni sistema guest un insieme di cartelle con le quali poter condividere dati con il computer host.
Le cartelle da condividere con il sistema guest devono risiedere nel computer host, pertanto creiamo nel computer host con Windows 7 la nuova cartella da condividere: ad esempio la cartella "D:\Scambio".

Da Windows 7 apriamo Oracle VM VirtualBox ed avviamo la macchina virtuale con Ubuntu 10.04. Dal menu Dispositivi della macchina virtuale selezioniamo la voce "Cartelle condivise...", quindi, nella finestra di gestione delle cartelle condivise, clicchiamo sul pulsantino a destra "Aggiungi cartella condivisa".

 


 
VirtualBox: Cartelle condivise
VirtualBox - Cartelle condivise.
(clicca per ingrandire)

Nella finestra di dialogo "Aggiungi condivisione" assegniamo il Percorso ("D:\Scambio") ed il Nome ("Scambio") della cartella da condividere; selezionando "Altro" nella lista combinata potremo cercare la cartella dall'albero delle directory. 

Se abilitiamo l'opzione "Rendi permanente" la configurazione della cartella condivisa rimarrà definita nel sistema guest (nel nostro caso Ubuntu) e disponibile ad ogni avvio della macchina virtuale. Le cartelle condivise in modo permanente saranno aggiunte nell'elenco tra le "Cartelle della macchina".
Invece, se non abilitassimo questa opzione, definiremo una Cartella di passaggio, cioè una condivisione transitoria (o se preferite temporanea) la cui configurazione verrà persa all'arresto della macchina virtuale. 

PCpercaso.com :: VirtualBox: Aggiungi condivisione

VirtualBox - Aggiungi condivisione.
(clicca per ingrandire)

 

Rendiamo Permanente la cartella "D:\Scambio" e clicchiamo su OK per aggiungere la nuova cartella all'elenco delle Cartelle della macchina.

Le modalità di accesso alle cartelle condivise sono diverse a seconda del sistema operativo guest.

Per i sistemi guest Windows, le cartelle condivise sono accessibili dalle Risorse di rete.

Nei sistemi guest Linux, le cartelle condivise dovranno essere "montate" nel sistema. Apriamo il Terminale del sistema guest Ubuntu e creiamo la nuova cartella "scambio_vbox" che costituirà il punto di mount (mount point) della cartella condivisa:

$ cd /mnt
$ sudo mkdir /mnt/scambio_vbox

Infine montiamo in Ubuntu la cartella condivisa con il comando:

$ sudo mount.vboxsf scambio /mnt/scambio_vbox

dove con "scambio" abbiamo indicato (in minuscolo) il nome della cartella condivisa precedentemente definita. A questo punto, se ci spostiamo nella cartella "/mnt/scambio_vbox", dal terminale oppure utilizzando il File Manager di Ubuntu (Nautilus) vedremo il contenuto della cartella condivisa con Windows 7, cioè la "D:\Scambio".

Per far si che la cartella condivisa venga montata all'avvio di Ubuntu, apriamo per la modifica il file /etc/fstab:

$ sudo gedit /etc/fstab

ed aggiungiamo la seguente linea di mount:

scambio /mnt/scambio_vbox vboxsf defaults 0 0



Adesso vogliamo creare una ulteriore condivisione ma stavolta transitoria, cioè del tipo "Cartelle di passaggio". Questo tipo di condivisione sarà utile per poter accedere, in tutta libertà, alle directory del computer host senza dover necessariamente rendere permanente la configurazione della condivisione delle cartelle utilizzate durante la sessione di lavoro della macchina guest.

Supponiamo di voler accedere da Ubuntu (sistema guest) ad una cartella del computer host non configurata tra le condivisioni permanenti delle "Cartelle della macchina": ad esempio la cartella "D:\Foto" del computer host Windows 7.

Nella finestra di dialogo "Aggiungi condivisione" aggiungiamo la cartella "D:\Foto" senza abilitare l'opzione "Rendi permanente: la nuova cartella condivisa sarà aggiunta tra le Cartelle di passaggio.

VirtualBox: Cartelle condivise
VirtualBox 3 - Gestione delle cartelle condivise


Non resta che montare la cartella condivisa, ad esempio, nella cartella "Immagini" nella Home Utente.

$ sudo mount.vboxsf foto /home/username/Immagini

dove al posto di username inseriremo il nome della cartella Utente della sessione di Ubuntu.

 

Leggi gli altri articoli dedicati a VirtualBox:

Link sponsorizzati:

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna